Mondo Sesso

Il 69: un preliminare che piace sempre più alle coppie

Chiunque volesse godere del piacere che sa riservare il sesso orale reciproco, potrà fare una ricerca di annunci 69: che siano scritti da uomini o donne, le risposte non si faranno attendere, dal momento che si tratta di un gioco erotico sempre più praticato ed apprezzato… Sempre più persone, infatti, gradiscono moltissimo questa forma di godimento preliminare, preludio al rapporto vero e proprio, che lo intensifica e lo rende ancora più appagante.

Le origini della posizione del 69

Il sesso orale reciproco era già conosciuto e praticato nell’antichità: lo dimostrano le raffigurazioni del Kamasutra, nelle quali un uomo accovacciato, con il viso rivolto verso la vagina della partner, ne afferra le gambe, mentre lei, a sua volta, sta con la bocca vicina al membro maschile, pronta ad iniziare una fellatio. Tuttavia il termine “sessantanove” non risale ai tempi della stesura del trattato, ma è stato coniato all’interno delle case di piacere, nelle quali questa posizione era una delle massime forme di libertà sessuale: molti uomini andavano in questi luoghi per poter sperimentare ciò che non facevano con le proprie mogli. La denominazione odierna 69 non è un caso unico che riguarda l’Italia, ma è utilizzata, con le relative traduzioni, anche nei paesi di madrelingua inglese e francese.

Perché il 69 piace sempre di più alle coppie

Fortunatamente, i tabù verso questo piacevole preliminare sono in gran parte decaduti, soprattutto quelli femminili: se fino a qualche tempo fa le donne erano reticenti verso qualsiasi forma di sesso orale, al giorno d’oggi se ne possono trovare tante, felici sia di riceverlo sia di praticarlo; la grande quantità di annunci presente in rete lo dimostra. Il “sessantanove” è una posizione perfetta per chi non ha paura di mostrare il lato vulnerabile di se stesso e non ha manie di controllo sulle reazioni del partner di turno.
Molte donne, addirittura, affermano di avere un orgasmo più facilmente proprio in questo modo, se l’uomo che hanno di fronte è particolarmente bravo ad offrire delle belle sensazioni, stimolandole con la lingua.
In fondo, si tratta di un’opportunità unica per esplorare il corpo dell’altro e le sue reazioni già dai primi incontri, permettendo, allo stesso tempo, di abbassare le difese, di lasciarsi andare e di ricevere un piacere senza confronti, spesso scoprendo lati inediti di sé.
Il fatto che si raggiunga subito un alto livello di eccitazione, rende questo gioco erotico perfetto nelle situazioni in cui il desiderio è talmente intenso da richiedere una risposta immediata, capace di offrire vere esplosioni di godimento, senza ricorrere ad una successiva penetrazione.

Qual è il momento giusto per iniziare un bel 69?

Quando si è entrambi abbastanza eccitati e disposti a perdere il controllo del piacere dell’altro per sentire maggiormente il proprio, perché offre l’occasione di dare e ricevere piacere nello stesso momento, unitamente ad alte possibilità di raggiungere l’orgasmo senza penetrazione.

Un gioco preliminare senza discriminazioni

Come gli eterosessuali, anche le coppie omosessuali, sia maschili sia femminili, possono praticare il sessantanove: in questo senso si può considerare un gioco erotico democratico, tra l’altro uno dei più apprezzati anche in questi casi. A meno che non si abbia una tendenza spiccata alla dominazione o alla sottomissione, essere attivi o passivi nel rapporto incide poco sul livello di gradimento, poiché alla base di questa pratica c’è il dare e ricevere piacere allo stesso tempo. Chi è alla ricerca di un’avventura o non ha una relazione stabile, può trovare delle opportunità facendo una ricerca tra gli annunci presenti in rete.

69 con o senza preservativo?

Quanto al tema protezione dalle malattie sessualmente trasmissibili, si tratta di una faccenda personale: dipende dal tipo di relazione instaurata con l’altra persona, dalla fiducia che si ripone in essa e dalla conoscenza del suo stato sierologico, con prove che ne attestino le condizioni di salute. Nel caso in cui tali informazioni rimanessero ignote (come accade nella maggior parte degli incontri occasionali), anche iniziare un bel 69 infilando al partner il profilattico (con le mani o, meglio ancora, con la bocca) o applicare il Dental Dam sulla vagina della propria compagna prima di cominciare con il cunnilingus, possono diventare dei momenti molto eccitanti.
Tra l’altro, questi presidi medici non sanno nemmeno di lattice, ma sono disponibili in fragranze assortite alla frutta e sono molto più sottili dei normali contraccettivi penetrativi, per assicurare delle sensazioni estremamente intense. Se la relazione, in un secondo momento, evolverà verso un rapporto di coppia, si potrà valutare un abbandono delle barriere di tipo meccanico.

Come dare maggior piacere all’uomo?

Fermo restando che è sempre opportuno conoscere prima le preferenze dell’altro (almeno a grandi linee), la tendenza è sempre quella d’iniziare il 69 lentamente e continuare con movimenti più rapidi e decisi, senza esagerare e variando la velocità. Molti uomini tendono a sentire un maggiore piacere a glande scoperto: ricordare questo particolare, prima di accoglierlo in bocca. Anche soffiare leggermente in corrispondenza dell’orifizio uretrale risulta spesso appagante. Assicurarsi, inoltre, che accompagnare il movimento con una mano piaccia al partner: non è affatto vero che gli uomini sono tutti uguali.

Cosa preferiscono le donne?

Inutile dire che molte donne sono estremamente ricettive alla stimolazione del clitoride; l’intensità con la quale praticarla dipende sempre dalla sensibilità della partner che si ha di fronte, ma alternare colpetti leggeri dati con la punta della lingua ad esplorazioni più profonde sono un ottimo metodo per testare i gesti più graditi. Con una mano si può cercare il punto G, mediante una delicata penetrazione con una o due dita, e con l’altra accarezzare altre zone erogene, come le natiche, l’incavo delle gambe, il seno e i capezzoli.

Dove mettersi per un 69 indimenticabile

La posizione classica è molto confortevole e prevede di sdraiarsi sul letto, sul divano o, addirittura, nei sedili posteriori dell’automobile (per legge i vetri devono essere oscurati o coperti, in modo da non incorrere nel reato di “atti osceni in luogo pubblico”).
Un partner sta supino e l’altro (spesso la donna, ma non è una regola) sdraiato sopra l’altro, con le cosce divaricate all’altezza della bocca ed il viso a sua volta rivolto verso il sesso dell’altro. Nel caso in cui l’uomo stia sopra, il 69 viene definito capovolto o “rovesciato”, da evitare quando la differenza di statura tra i partner sia marcata.

Un preliminare che permette cambi veloci

Questa posizione consente di avere non solo un’ampia libertà di movimento, ma anche di cambiare posizione agevolmente: si è abbastanza vicini per sperimentare posizioni penetrative come quella dell’amazzone “al contrario”, nella quale l’uomo rimane sdraiato e la donna è seduta sopra di lui, ma non di fronte, bensì di spalle.
Nulla vieta, in un secondo momento, di ritornare al classico 69!

Possibili varianti del 69 per invogliare di più le coppie

Una versione ancora più comoda è il 69 di fianco, dove la coppia può darsi piacere con il massimo comfort, mentre un’altra delle alternative prevede che l’uomo stia seduto sul letto con le gambe divaricate e la partner gli rivolga i glutei flettendosi in avanti fino a raggiungere, con la bocca, i genitali del compagno. Tuttavia, esistono anche varianti decisamente più acrobatiche: ad esempio, il maschio può stare in piedi con la schiena vicina o, meglio ancora, appoggiata al muro e la compagna tiene le gambe incrociate sulle spalle del compagno, con la testa in giù. Questa posizione presuppone un ottimo feeling, è consentita solamente a chi è dotato di un buon equilibrio e quando le relative costituzioni fisiche permettano di mantenere questa posizione senza fatica e per un tempo accettabile. Di sicuro quest’ultima variante del 69 non è una delle più comode.

Rendere ancora più eccitante il 69

Naturalmente non ci sono limiti al piacere: la donna può intensificare le sensazioni del proprio partner muovendo delicatamente il sacco scrotale con le dita e, in caso di stimolazioni manuali bene accette, alternando la bocca alla mano, mentre l’uomo potrà eccitare ancora di più la propria donna tastando altre zone erogene come il seno ed i glutei, poiché le carezze sono generalmente sempre gradite dal gentil sesso.
Inoltre, il 69 è una posizione privilegiata per praticare anche l’anilingus (o rimming), quindi massima attenzione alla pulizia! Per aumentare il piacere, basta lasciarsi andare: la donna può dimenare il bacino, in modo da raggiungere l’orgasmo più facilmente e facendo impazzire il partner, che si sentirà gratificato. D’altra parte l’uomo, specialmente quando sta sdraiato sopra, può simulare un rapporto vaginale nella bocca della partner, arrivando a raggiungere il massimo del piacere.

Join The Discussion